Via allo sgravio per solidarietà

Via libera Inps alla fruizione della decontribuzione sui contratti di solidarietà per l'anno 2018. Le aziende hanno tempo fino al 17 febbraio (il 16 è festivo) per recuperare lo sgravio del 35% dei contributi dovuti sui lavoratori occupati a orario ridotto, in misura superiore al 20%. Lo spiega lo stesso Inps nella circolare n. 133/2019 di ieri. Per ora, l'autorizzazione alla fruizione interessa le imprese che hanno periodi di Cigs per contratto di solidarietà conclusi entro il 31 marzo 2019 (elenco allegato alla circolare). Le altre aziende (non indicate in elenco) saranno autorizzate ai conguagli con successive circolari. Contratti di solidarietà. Si tratta dello sgravio rivolto alle imprese soggette a Cigs nel caso di stipulazione di contratti di solidarietà difensivi, con riduzione dell'orario di lavoro superiore al 20% al fine di evitare licenziamenti. Lo sgravio. Lo sgravio spetta per l'intera durata del contratto di solidarietà e vale il 35% dei contributi a carico del datore di lavoro per i lavoratori interessati alla riduzione dell'orario di lavoro di misura superiore al 20%. Può essere fruito al massimo per 24 mesi nel quinquennio mobile in relazione alla singola unità produttiva interessata dall'accordo di solidarietà. L'effettiva misura di che è possibile conguagliare, precisa l'Inps, è l'importo comunicato alle imprese interessate come limite «massimo» d'incentivo fruibile, fermo restando che possono essere conguagliate solo e soltanto le somme effettivamente spettanti, calcolate sulla base delle retribuzioni dei lavoratori che, mese per mese, hanno avuto un orario di lavoro ridotto in misura superiore al 20% (nel mese in cui non c'è stata questa riduzione, lo sgravio non spetta). Requisiti e condizioni. L'Inps spiega che non sono soggette allo sgravio le seguenti contribuzioni dovute dai datori di lavoro: il contributo per la garanzia sul finanziamento della Qu.I.R.; il contributo dello 0,30% (ex art. 25, comma 4, della legge n. 845/1978); il contributo di solidarietà sui versamenti per la previdenza complementare e/o fondi di assistenza sanitaria; il contributo di solidarietà per i lavoratori dello spettacolo. Il beneficio contributivo, inoltre, è incompatibile con qualunque altro incentivo contributivo; conseguentemente, i lavoratori per i quali l'impresa fruisce dello sgravio non devono essere destinatari di altre agevolazioni contributive.

Fonte: ItaliaOggi del 08 novembre 2019 (pagina 34)



nota: la notizia costituisce un estratto; per il testo integrale riferirsi alla fonte citata
Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.         ACCETTO
SALUMIFICIO BRIZIO - VENASCA Becchio e Mandrile RISTORANTE SALUZZO 0175-218975 SILVIA DOGLIANI ARTIMPIANTI COSTIGLIOLE S.
BOMAUNO MEC INDUSTRIA ALIMENTARE CARNI SUPERTINO VAGLIANO FRUTTA GULLINO IMPORT EXPORT GIOIELLERIA ALBERO DELLE GIOIE
SALUMIFICIO BRIZIO - VENASCA Becchio e Mandrile RISTORANTE SALUZZO 0175-218975 SILVIA DOGLIANI ARTIMPIANTI COSTIGLIOLE S. BOMAUNO MEC INDUSTRIA ALIMENTARE CARNI SUPERTINO VAGLIANO FRUTTA GULLINO IMPORT EXPORT GIOIELLERIA ALBERO DELLE GIOIE