Tutela reintegratoria se il fatto non ha rilievo disciplinare

Con la sentenza 12174/19, la Cassazione si è pronunciata sui confini applicativi della tutela reintegratoria prevista dall’articolo 3, comma 2 del Dlgs 23/15, qualora – a fronte di un licenziamento per giusta causa in regime di Jobs Act – venga accertata l’irrilevanza disciplinare del fatto materiale contestato. Nel caso di specie, sia il Tribunale, sia la Corte d'appello di Genova, accertata l'illegittimità del licenziamento intimato ad una dipendente che si era allontanata dal posto di lavoro, avevano dichiarato estinto il rapporto di lavoro, condannando la società al pagamento di 4 mensilità (l'indennità risarcitoria minima prevista nella formulazione normativa antecedente le modifiche introdotte dal Decreto dignità). I giudici dei primi due gradi di giudizio avevano respinto la domanda principale della lavoratrice volta a ottenere la tutela reintegratoria, in quanto la condotta addebitata non era stata negata nella sua realtà storica. Purtroppo la sentenza in commento non consente di recuperare nella sua materialità effettiva (modalità e tempi) il comportamento ascritto alla dipendente, sì che non è possibile apprezzare completamente il ragionamento effettuato dai giudici del merito, tanto più in un procedimento contumaciale. La Cassazione, nell'accogliere il ricorso della lavoratrice, con un interessante principio di diritto ha precisato che «ai fini della pronuncia di cui all'articolo 3, comma 2, del Dlgs 23 del 2015, l'insussistenza del fatto materiale contestato al lavoratore, rispetto al quale resta estranea ogni valutazione circa la sproporzione del licenziamento, comprende non soltanto i casi in cui il fatto non si sia verificato nella sua materialità, ma anche tutte le ipotesi in cui il fatto, materialmente accaduto, non abbia rilievo disciplinare».

Fonte: Quotidiano del Lavoro del 16 maggio 2019

Allegato: Corte Cassazione - Sentenza n. 12174-2019 .pdf


nota: la notizia costituisce un estratto; per il testo integrale riferirsi alla fonte citata
Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.         ACCETTO
SALUMIFICIO BRIZIO - VENASCA Becchio e Mandrile RISTORANTE SALUZZO 0175-218975 SILVIA DOGLIANI ARTIMPIANTI COSTIGLIOLE S.
BOMAUNO MEC INDUSTRIA ALIMENTARE CARNI SUPERTINO VAGLIANO FRUTTA GULLINO IMPORT EXPORT GIOIELLERIA ALBERO DELLE GIOIE
SALUMIFICIO BRIZIO - VENASCA Becchio e Mandrile RISTORANTE SALUZZO 0175-218975 SILVIA DOGLIANI ARTIMPIANTI COSTIGLIOLE S. BOMAUNO MEC INDUSTRIA ALIMENTARE CARNI SUPERTINO VAGLIANO FRUTTA GULLINO IMPORT EXPORT GIOIELLERIA ALBERO DELLE GIOIE