Mal di mobbing? Non si licenzia

Il dipendente si ammala perché vittima di “mobbing”? Impossibile licenziarlo, anche se la somma delle sue assenze dal luogo in cui svolge l'attività supera il periodo di comporto (l'arco temporale stabilito dalla legge). E' quanto sancisce la Cassazione che, con la sentenza numero 22568, ha respinto il ricorso con cui una società di Brugherio (Monza e Brianza), proprietaria di un supermercato, chiedeva l'interruzione del rapporto lavorativo di un addetto del reparto macelleria, sostenendo che le troppe giornate in cui non si era presentato in ditta fossero sufficienti a giustificarne la perdita del diritto al posto. Opinione rigettata dalla Suprema corte che ha, invece, confermato, come già stabilito prima dal tribunale di Monza e poi dalla Corte d'appello nel 2010, che erano “imputabili alla responsabilità del datore di lavoro le assenze per malattia” dell'uomo e, di conseguenza, i giorni di assenza erano irrilevanti “ai fini del calcolo del periodo di comporto”.


 


Fonte: ItaliaOggi del 03 ottobre 2013 (pagina 34)



nota: la notizia costituisce un estratto; per il testo integrale riferirsi alla fonte citata
STUDIO CESARE ROSSO utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.
Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento
TMC ARTI GRAFICHE - CARAMAGNA P. SALUMIFICIO BRIZIO - VENASCA CENTRI REVISIONE PERIODICHE AUTO MOTO QUAD CAMION RISTORANTE SALUZZO 0175-218975 SILVIA DOGLIANI ARTIMPIANTI COSTIGLIOLE S.
BOMAUNO MEC INDUSTRIA ALIMENTARE CARNI SUPERTINO VAGLIANO FRUTTA GULLINO IMPORT EXPORT GIOIELLERIA ALBERO DELLE GIOIE
TMC ARTI GRAFICHE - CARAMAGNA P. SALUMIFICIO BRIZIO - VENASCA CENTRI REVISIONE PERIODICHE AUTO MOTO QUAD CAMION RISTORANTE SALUZZO 0175-218975 SILVIA DOGLIANI ARTIMPIANTI COSTIGLIOLE S. BOMAUNO MEC INDUSTRIA ALIMENTARE CARNI SUPERTINO VAGLIANO FRUTTA GULLINO IMPORT EXPORT GIOIELLERIA ALBERO DELLE GIOIE