Il licenziamento individuale non può aggirare la mobilità

Il datore di lavoro non può licenziare individualmente un dipendente per gli stessi motivi alla base della procedura di mobilità aperta poco prima e conclusasi con accordo sindacale non accettato dal lavoratore. Questo il principio statuito dalla Corte di cassazione con la sentenza 808/2020. Dopo la procedura collettiva che prevedeva, quale unico criterio di scelta, la non opposizione al recesso, il datore di lavoro, decorsi i termini previsti dalla legge 223/1991, ha licenziato per giustificato motivo oggettivo un dipendente che, seppur in esubero, non aveva accettato l’accordo, motivando il recesso individuale con la soppressione della posizione lavorativa. Il tribunale ha dichiarato nullo il recesso in quanto ritorsivo, mentre la Corte d’appello, escludendone la nullità ma non l’illegittimità, ha dichiarato risolto il rapporto in base all’articolo 18, commi 7 e 5, dello statuto dei lavoratori, con condanna del datore di lavoro al pagamento della relativa indennità risarcitoria. La Suprema corte, rigettando i motivi di ricorso proposti dall’azienda al fine di vedere accertata la legittimità del licenziamento individuale, ha precisato come il “controllo” sindacale della procedura collettiva resterebbe del tutto privo «di effettività ove – all’esito della gestione “procedimentalizzata” dei motivi di riduzione del personale rappresentati nella comunicazione di avvio della procedura – fosse consentito al datore di lavoro di ritornare sulle sue scelte…attraverso ulteriori e successivi licenziamenti individuali per giustificato motivo oggettivo…sottratti al confronto sindacale». A ciò va aggiunto che, qualora «venga raggiunta una intesa con le organizzazioni sindacali, il vulnus riguarderebbe anche il rispetto di tali accordi…la cui obbligatorietà non può esaurirsi nel tempo all’atto di conclusione della procedura», in quanto «gli impegni assunti vengono meno solo per effetto del modificarsi della situazione aziendale che costituisce il presupposto dell’accordo raggiunto».

Fonte: Quotidiano del Lavoro del 15 gennaio 2020



nota: la notizia costituisce un estratto; per il testo integrale riferirsi alla fonte citata
Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.         ACCETTO
SALUMIFICIO BRIZIO - VENASCA Becchio e Mandrile RISTORANTE SALUZZO 0175-218975 SILVIA DOGLIANI ARTIMPIANTI COSTIGLIOLE S.
BOMAUNO MEC INDUSTRIA ALIMENTARE CARNI SUPERTINO VAGLIANO FRUTTA GULLINO IMPORT EXPORT GIOIELLERIA ALBERO DELLE GIOIE
SALUMIFICIO BRIZIO - VENASCA Becchio e Mandrile RISTORANTE SALUZZO 0175-218975 SILVIA DOGLIANI ARTIMPIANTI COSTIGLIOLE S. BOMAUNO MEC INDUSTRIA ALIMENTARE CARNI SUPERTINO VAGLIANO FRUTTA GULLINO IMPORT EXPORT GIOIELLERIA ALBERO DELLE GIOIE